Fotografia glamour: 5 consigli per iniziare alla grande

Dalle pin-up anni ’50 alle moderne tecniche da studio, la fotografia glamour è tornata in auge. Che si tratti di una campagna pubblicitaria o per portfolio personale, saper realizzare scatti glamour ti aiuterà a espandere gli orizzonti della tua carriera fotografica.

C’è molto di più che illuminazione e pose in questo genere e in questa breve guida vedremo insieme 5 consigli per scattare eccellenti fotografie glam. Dalla scelta della location al trucco, dalle pose all’illuminazione, tutto partecipa nella realizzazione di scatti eccezionali.

Dando per buono che tu conosca le basi dell’esposizione e della composizione fotografica e che tu abbia dimestichezza nella manipolazione della luce, come per esempio l’uso di riflettenti e flash, vediamo insieme come queste nozioni ci saranno utilissime per cominciare nel genere glamour.

fotografia glamour

Fotografia Glamour: quello che devi sapere

1. Conoscere il genere

Ricorda anche che il glamour non è volgare, anzi è l’esatto opposto, l’arte di affascinare e sedurre attraverso una combinazione di charme e bell’aspetto. È fondamentale che tu abbia molto più che una vaga idea di cosa sia la fotografia glamour, di quale sia il pubblico e delle peculiarità del genere.

Consiglio vivamente di approfondire fotografi del settore come Helmut Newton e George Hurrell e di tenere a mente le parole di Don HalesFashion vende un prodotto, Glamour vende la modella. Quando stai sfogliando Maxim, non interessa che tipo di bikini sta indossando, interessa la ragazza“, il che è in forte contrapposizione con Vogue, per esempio, in cui il guardaroba ha un ruolo primario (il più delle volte).

Evita quindi di spogliare eccessivamente la modella perché per il genere non è affatto necessario, anche se, dovendo vendere la sensualità della ragazza, non è disdicevole che questa assuma atteggiamenti e pose sexy, dovrà farlo mantenendo sempre una certa classe.

fotografia glamour

L'autore

Marco Carotenuto

Mi chiamo Marco. Ho 34 anni. Fotografo prima, art director poi, fremo per il non convenzionale. Ideare, ricreare, scomporre e immaginare nuovi punti da cui sbirciare il mondo sono il sale della mia vita. Divertirsi, prima di stupire e rendere partecipi, coinvolgere chi ci sta di fronte sono i pilastri di questa professione, impregnata di magia. Il trucco? Farlo in modo serio, proprio come fanno i bambini a capo di un gioco. Apertura mentale e sguardo curioso mi hanno accompagnato, scandendo il mio approccio alla fotografia e alla pubblicità. Sono un fotografo professionista che ha studiato alla scuola romana di fotografia; la mia passione principale è la fotografia di paesaggio e la natura nel suo essere. Ho ricevuto due riconoscimenti da parte di Nikon, con la pubblicazione sul libro annuale. Sono stato invitato a partecipare a più mostre fotografiche, tra cui Molise cinema e MArteLive.