I’m Back: un progetto per trasformare le vecchie reflex

Il web è pieno zeppo di informazioni e spunti interessanti, proprio come questo progetto “I’M BACK” che ho trovato girovagando per Kickstarter, una piattaforma dove richiedere e ricevere fondi per portare avanti o lanciare progetti e start-up innovative.

i'm back, reflex vintage, reflex analogiche digitali

Di cosa si tratta esattamente questo “I’m back“? Il nome del progetto la dice già molto lunga…. “sono tornato“, ok ma chi è che torna di preciso?

Gli amanti delle vecchie fotocamere a pellicola Nikon 35mm (e non solo) potranno “far tornare a rivivere” le loro fotocamere trasformandole in reflex digitali!

Si, hai capito bene, I’m Back promette di modificare le vecchie reflex 35mm attraverso un apparecchio da attaccare sotto il corpo macchina.

i'm back, nikon 35mm, reflex analogiche

i'm back, nikon 35mm, reflex analogiche

I’m Back offre un sensore Panasonic da 16megapixel che può catturare a scelta immagini e filmati di 20, 16, 12, 8, 4, 2 megapixel, ma non solo. Infatti sarà in grado di catturare immagini HDR, regolare ISO e bilanciamento del bianco, scattare una raffica e tanto altro!

Come funziona di preciso “I’m Back”?

Nelle fotocamere digitali normali, l’immagine, dopo esser passata per l’obiettivo viene proiettata direttamente sul sensore, in questo adattatore, invece, l’immagine viene proiettata sul suo schermo di messa a fuoco, in questo modo, attraverso un sistema di specchi, registrerà l’immagine sul “nuovo sensore” attraverso il processore interno Novatek 96660.

i'm back, nikon 35mm, reflex analogiche

Come si può notare anche dalla foto qui sopra, l’adattatore ha anche un comodo schermo LCD touchscreen da 2 pollici da cui si possono scegliere comodamente le varie funzioni, tra queste troviamo anche il wi-fi che può essere utlizzato per trasferire immediatamente le immagini sui vari dispositivi oppure per collegare lo smartphone e utilizzarlo come display più grande per controllare la reflex.

I’m Back sarà compatibile con molto fotocamere 35mm, qui di seguito l’elenco completo:

  • Nikon F
  • Nikon F2
  • Nikon FM
  • Nikon FE
  • Nikon S2
  • Canon F1
  • Canon A1
  • Canon AE1
  • Pentax ME super
  • Pentax spotomatic
  • Pentax K1000
  • Praktica b200
  • Praktica MTL
  • Contax II
  • Contax RTS
  • Contax G2
  • Olympus OM1
  • Olympus OM2
  • Minolta Dinaxx 7000
  • Olympus OM10
  • Yashica JP
  • Yashica FX3
  • Leica M
  • Leica R
  • Diana F
  • Diana F mini

Trattandosi ancora solo di una startup non sapiamo se riuscirà a raggiungere l’importo che si è prefissato su Kickstarter e quindi se poi verrà effettivamente sviluppato.

C’è da dire che questa non è la prima volta che gli ideatori provano a raggiungere i fondi necessari per sviluppare questa idea, ma questa volta sono molto vicini, anche per via del fatto che il prodotto è stato rivisto e corretto rispetto l’ultima volta che era stato presentato.

Vi lascio ad un video dimostrativo sul funzionamento di I’m Back:

AGGIORNAMENTO:

10-03-2018

Dopo aver scritto questo articolo, sono stato contattato direttamente da Samuel, l’ideatore e creatore di I’mBack che dopo una bella chiacchierata con molto piacere mi ha annunciato di aver raggiunto il budget che si erano prefissati per far partire la produzione, anzi a dir la verità lo hanno superato alla grande e mancano ancora 26 giorni!

Tra le altre cose la notizia positiva del raggiugimento dell’obiettivo è arrivata proprio il giorno del compleanno di Samuel, quindi che dire… complimenti e tanti auguri!

Aggiungo anche che ho avuto il piacere di ricevere da Samuel delle foto scattate proprio con questo apparecchio, per condividerle con voi:

i'm back, reflex vintage, reflex analogiche digitali

i'm back, reflex vintage, reflex analogiche digitali

i'm back, reflex vintage, reflex analogiche digitali

L'autore

Marco Carotenuto

Mi chiamo Marco. Ho 34 anni. Fotografo prima, art director poi, fremo per il non convenzionale. Ideare, ricreare, scomporre e immaginare nuovi punti da cui sbirciare il mondo sono il sale della mia vita. Divertirsi, prima di stupire e rendere partecipi, coinvolgere chi ci sta di fronte sono i pilastri di questa professione, impregnata di magia. Il trucco? Farlo in modo serio, proprio come fanno i bambini a capo di un gioco. Apertura mentale e sguardo curioso mi hanno accompagnato, scandendo il mio approccio alla fotografia e alla pubblicità. Sono un fotografo professionista che ha studiato alla scuola romana di fotografia; la mia passione principale è la fotografia di paesaggio e la natura nel suo essere. Ho ricevuto due riconoscimenti da parte di Nikon, con la pubblicazione sul libro annuale. Sono stato invitato a partecipare a più mostre fotografiche, tra cui Molise cinema e MArteLive.